Il saggio ricostruisce il processo di privatizzazione dell’Ente Autonomo Acquedotto Pugliese (EAAP), ente pubblico gestore monopolista di un servizio idrico sovraregionale, formalmente avviato sul finire degli anni novanta e, dopo una serie di singolari e complesse vicissitudini normative non del tutto chiare e, per alcuni, anche di dubbia costituzionalità, mai portato a sostanziale compimento. Scopo principale del lavoro è stato quello di ricostruire e spiegare la storia giuridica di questa privatizzazione cercando essenzialmente di capire, tra l’altro, se i numerosi interventi normativi che hanno concorso a disegnarla rispondono ad una filosofia unitaria ispirata dalle norme di legge che hanno generalmente governato il fenomeno nel nostro ordinamento ovvero danno conto di una sorta di “schizofrenia” legislativa espressione delle diverse visioni politiche degli interessi in gioco manifestate nel tempo dal legislatore. Sono stati così essenzialmente considerati i seguenti fondamentali passaggi del processo di privatizzazione: (1) la trasformazione dell’EAAP (Ente Autonomo Acquedotto Pugliese) in AQP s.p.a.; (2) il d. lgs. 11 maggio 1999, n. 141 con i suoi i profili societari della trasformazione in s.p.a.; (3) il tentativo di cessione all’ENEL s.p.a. dell’intera partecipazione azionaria del Ministero del tesoro; (4) l’attribuzione alle regioni Puglia e Basilicata dell’intera proprietà dell’AQP s.p.a. ; (5) la successiva cessione alla Regione Puglia della partecipazione azionaria della regione Basilicata.

La (mancata) privatizzazione "sostanziale" dell'Acquedotto Pugliese s.p.a / CHIONNA V. - In: RIVISTA DEL DIRITTO COMMERCIALE E DEL DIRITTO GENERALE DELLE OBBLIGAZIONI. - ISSN 0035-5887. - (2006), pp. 833-871.

La (mancata) privatizzazione "sostanziale" dell'Acquedotto Pugliese s.p.a

CHIONNA, Vincenzo Vito
2006

Abstract

Il saggio ricostruisce il processo di privatizzazione dell’Ente Autonomo Acquedotto Pugliese (EAAP), ente pubblico gestore monopolista di un servizio idrico sovraregionale, formalmente avviato sul finire degli anni novanta e, dopo una serie di singolari e complesse vicissitudini normative non del tutto chiare e, per alcuni, anche di dubbia costituzionalità, mai portato a sostanziale compimento. Scopo principale del lavoro è stato quello di ricostruire e spiegare la storia giuridica di questa privatizzazione cercando essenzialmente di capire, tra l’altro, se i numerosi interventi normativi che hanno concorso a disegnarla rispondono ad una filosofia unitaria ispirata dalle norme di legge che hanno generalmente governato il fenomeno nel nostro ordinamento ovvero danno conto di una sorta di “schizofrenia” legislativa espressione delle diverse visioni politiche degli interessi in gioco manifestate nel tempo dal legislatore. Sono stati così essenzialmente considerati i seguenti fondamentali passaggi del processo di privatizzazione: (1) la trasformazione dell’EAAP (Ente Autonomo Acquedotto Pugliese) in AQP s.p.a.; (2) il d. lgs. 11 maggio 1999, n. 141 con i suoi i profili societari della trasformazione in s.p.a.; (3) il tentativo di cessione all’ENEL s.p.a. dell’intera partecipazione azionaria del Ministero del tesoro; (4) l’attribuzione alle regioni Puglia e Basilicata dell’intera proprietà dell’AQP s.p.a. ; (5) la successiva cessione alla Regione Puglia della partecipazione azionaria della regione Basilicata.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/6787
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact