Una lettera inedita di Girolamo Vitelli ad Aristide Calderini