QUALCHE RIFLESSIONE SU INFERMITA' E CAPACITA' DI INTENDERE E VOLERE