La “rete” dei diritti: fra comunicazione virtuale e condivisione