«Avegna che pochi, per male camminare, compiano la giornata» L’ideale della felicità filosofica e i suoi limiti nel Convivio dantesco