La permanenza in casa: tra esigenze cautelari e bisogni educativi