Giovita Scalvini e l'inquieta distanza del magistero foscoliano