L'«instabil scena» del potere nella tragedia politica italiana del Seicento