Nella Science-Fiction l'invenzione linguistica introduce il "senso del meraviglioso"; si tratta di una pratica semiotica che produce "mots-fiction", cioè ponti verbali che collegano il reale all'immaginario. Le recenti versioni italiane di due racconti avveniristici di Jules Verne, sono occasione per confronti e proposte di traduzione dove sia conservata la funzione straniante del "merveilleux instrumental"

I mots-fiction in Jules Verne

DEL PIZZO, Massimo
2008

Abstract

Nella Science-Fiction l'invenzione linguistica introduce il "senso del meraviglioso"; si tratta di una pratica semiotica che produce "mots-fiction", cioè ponti verbali che collegano il reale all'immaginario. Le recenti versioni italiane di due racconti avveniristici di Jules Verne, sono occasione per confronti e proposte di traduzione dove sia conservata la funzione straniante del "merveilleux instrumental"
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/54568
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact