Abramo Balmi, medico errante; Giovan Paolo Spinelli, ad ogni male il suo rimedio; Scipione Cardassi, il poligrafo di Bari; Paolo Minerva, un teologo con la passione per la scienza; Fabrizio Veniero, un forestiero nelle disavventure di Bari; Filippo De Arrieta, il cronista della peste