Le modalità con le quali la regione Puglia ha disciplinato gli interventi di sviluppo economico, le attività produttive, le aree industriali, nel contesto più ampio della pianificazione urbanistica e territoriale, sulla base dei dati statistici analizzati, mettono in luce criticità e opportunità. Nonostante la notevole valenza economica dei distretti industriali pugliesi, come individuati negli studi promossi dalla stessa Regione e dall'Istat, essi non hanno pertanto trovato nella pianificazione regionale, settoriale e comunale, il necessario supporto alla propria affermazione come modello di sviluppo locale. Le due macro-aree regionali in cui si concentrano i distretti industriali pugliesi, infatti, non sono state oggetto di alcuna politica integrata di sviluppo locale, finalizzata a supportare le opportune sinergie di scala. Le politiche per le aree dei distretti, finanziate dal Por attraverso i Pit, hanno avuto carattere occasionale,e non hanno realizzato le condizioni strutturali e infrastrutturali necessarie a sviluppare il sistema produttivo regionale, che in queste aree ha i suoi punti di forza. Di tale supporto si è avvertita l'assenza, specie in quest'ultimi anni, in cui le sfavorevoli congiunture economiche hanno reso ancora più necessarie tali sinergie.

I distretti industriali in Puglia: l’analisi statistica e lo stato della pianificazione regionale di settore / PERCHINUNNO P; ROTONDO F. - In: URBANISTICA INFORMAZIONI. - ISSN 0392-5005. - 201(2005), pp. 67-69.

I distretti industriali in Puglia: l’analisi statistica e lo stato della pianificazione regionale di settore

PERCHINUNNO, Paola;
2005

Abstract

Le modalità con le quali la regione Puglia ha disciplinato gli interventi di sviluppo economico, le attività produttive, le aree industriali, nel contesto più ampio della pianificazione urbanistica e territoriale, sulla base dei dati statistici analizzati, mettono in luce criticità e opportunità. Nonostante la notevole valenza economica dei distretti industriali pugliesi, come individuati negli studi promossi dalla stessa Regione e dall'Istat, essi non hanno pertanto trovato nella pianificazione regionale, settoriale e comunale, il necessario supporto alla propria affermazione come modello di sviluppo locale. Le due macro-aree regionali in cui si concentrano i distretti industriali pugliesi, infatti, non sono state oggetto di alcuna politica integrata di sviluppo locale, finalizzata a supportare le opportune sinergie di scala. Le politiche per le aree dei distretti, finanziate dal Por attraverso i Pit, hanno avuto carattere occasionale,e non hanno realizzato le condizioni strutturali e infrastrutturali necessarie a sviluppare il sistema produttivo regionale, che in queste aree ha i suoi punti di forza. Di tale supporto si è avvertita l'assenza, specie in quest'ultimi anni, in cui le sfavorevoli congiunture economiche hanno reso ancora più necessarie tali sinergie.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/53741
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact