Etica e verità. Sul pessimismo radicale del primo Svevo