Garante dei diritti e giudice dei poteri: il doppio volto della Corte suprema nelle sentenze "Guantanamo"