"Patientia" e "virtus": due paradigmi alle radici della tolleranza