Sulle spalle dei giganti. Swift e la battaglia tra classico e moderno