Un manoscritto di Isocrate nella «Bibliotheca» di Fozio (cap. 159)