La «Discoverta del vero omero» di Giambattista Vico. Dai «villani costumi» all'«innarrivabile facultà poetica»