L’ordinanza del Tribunale di Torino, depositata il 28 maggio 2020, offre l’occasione per chiarire entro quali limiti possa essere esercitata, dagli avvocati, nelle aule di giustizia, la libertà di espressione. La tutela della reputazione dei giudici, infatti, richiede una particolare protezione per assicurare che i cittadini abbiano fiducia nel sistema giudiziario e, quindi, non possono rientrare nel perimetro della libertà di espressione nell’esercizio di funzioni giudiziarie espressioni offensive e che intaccano la professionalità del magistrato. Tale conclusione assicura un giusto bilanciamento tra i diritti in gioco ed è conforme agli orientamenti della Corte europea dei diritti dell’uomo che ha tracciato i parametri da seguire nei casi in cui è in gioco, da un lato, la libertà di espressione degli avvocati e, dall’altro lato, la reputazione dei magistrati nell’esercizio delle proprie funzioni. Ricostruita la giurisprudenza della Corte sarà possibile individuare l’affermazione, sul piano internazionale, di una tutela rafforzata della reputazione dei magistrati anche come elemento per assicurare la protezione del buon funzionamento della giustizia.

Libertà di espressione degli avvocati e tutela della reputazione dei magistrati tra fonti internazionali e diritto interno

Castellaneta, Marina
2021

Abstract

L’ordinanza del Tribunale di Torino, depositata il 28 maggio 2020, offre l’occasione per chiarire entro quali limiti possa essere esercitata, dagli avvocati, nelle aule di giustizia, la libertà di espressione. La tutela della reputazione dei giudici, infatti, richiede una particolare protezione per assicurare che i cittadini abbiano fiducia nel sistema giudiziario e, quindi, non possono rientrare nel perimetro della libertà di espressione nell’esercizio di funzioni giudiziarie espressioni offensive e che intaccano la professionalità del magistrato. Tale conclusione assicura un giusto bilanciamento tra i diritti in gioco ed è conforme agli orientamenti della Corte europea dei diritti dell’uomo che ha tracciato i parametri da seguire nei casi in cui è in gioco, da un lato, la libertà di espressione degli avvocati e, dall’altro lato, la reputazione dei magistrati nell’esercizio delle proprie funzioni. Ricostruita la giurisprudenza della Corte sarà possibile individuare l’affermazione, sul piano internazionale, di una tutela rafforzata della reputazione dei magistrati anche come elemento per assicurare la protezione del buon funzionamento della giustizia.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
NGCC_01_2021_0119-CASTELLANETA.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 380.74 kB
Formato Adobe PDF
380.74 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/405537
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact