OTTO KAHN-FREUND: IL LAVORO E LA LEGGE (recensione)