Fra i cinque capitoli del denso e coeso volume di Guaragnella, dedicato alla prosa di nuova scienza e agli scambi scientifico-culturali vissuti in profonda amicizia fra il primo Galileo e l’allievo Benedetto Castelli, il quarto appare emblematico per la capacità dello stesso Castelli di innervare su un aureo apologo, ovvero una ‘favola’ nata da una curiosità, acute inserzioni ironico-umoristiche, secondo metodo e stile di confutazione acquisiti e condivisi nella prolungata familiarità con lo scienziato pisano.

Pasquale Guaragnella, Desiderosi del vero. Prosa di nuova scienza dal primo Galileo a Benedetto Castelli, Lecce, Argo, Collana «Biblioteca barocca e dei Lumi», 2021, pp. 272.

Filieri Emilio
2021

Abstract

Fra i cinque capitoli del denso e coeso volume di Guaragnella, dedicato alla prosa di nuova scienza e agli scambi scientifico-culturali vissuti in profonda amicizia fra il primo Galileo e l’allievo Benedetto Castelli, il quarto appare emblematico per la capacità dello stesso Castelli di innervare su un aureo apologo, ovvero una ‘favola’ nata da una curiosità, acute inserzioni ironico-umoristiche, secondo metodo e stile di confutazione acquisiti e condivisi nella prolungata familiarità con lo scienziato pisano.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/381189
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact