Il contributo si occupa del tradizionale elemento costitutivo dello Stato che viene indicato dai costituzionalisti con il tonitruante nome di "Sovranità". In particolare, il fine è quello di mostrare come esso si regga, ancora oggi, su teorie mai realizzatesi nella realtà storica. E tanto perché ogni manifestazione del potere, come ha notato Foucault, non può che essere «microfisica», ossia originata da più luoghi e soggetti, mai da una sola entità monolitica.

L'equivoco della sovranità

A. Gusmai
2020

Abstract

Il contributo si occupa del tradizionale elemento costitutivo dello Stato che viene indicato dai costituzionalisti con il tonitruante nome di "Sovranità". In particolare, il fine è quello di mostrare come esso si regga, ancora oggi, su teorie mai realizzatesi nella realtà storica. E tanto perché ogni manifestazione del potere, come ha notato Foucault, non può che essere «microfisica», ossia originata da più luoghi e soggetti, mai da una sola entità monolitica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Gusmai_EquivocoSovranità_Progettare.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
443.08 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/380279
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact