Privato e pubblico: l'equilibrio della scena shakespeariana