Il saggio ricostruisce alcune tappe significative della storia privata e pubblica di Antonio Pérez Navarrete, uno spagnolo migrato nel Regno di Napoli ove visse tra la prima e la seconda metà del XVII secolo e si inserì tra le élites del paese grazie alle sue competenze giuridiche e ai servizi resi alla Monarquía, sfruttando il favore accordato da quest’ultima, desiderosa di ridimensionare poteri e prerogative dell’antica nobiltà meridionale, ai togati, il gruppo sociale che costituiva la punta più avanzata del ceto civile. In particolare considera l’attività di scrittore e di mediatore culturale espletata dal giurista di Logroño divenuto poi marchese di Laterza e analizza l’apporto dato alla sua ascesa socio-professionale da opere di diverso genere – opuscoli di propaganda, biografie celebrative, trattati giuridici – composte in castigliano specie agli esordi della sua lunga e fortunata carriera e in seguito stampate ripetutamente dedicandole, con una buona dose di intelligenza politica, ai diversi viceré dispensatori di gratificazioni materiali e simboliche tra i sostenitori del governo spagnolo.

... Perdonando mi mal cortada pluma. Le opere in lingua spagnola di Antonio Pérez Navarrete

PAPAGNA, Elena
2013

Abstract

Il saggio ricostruisce alcune tappe significative della storia privata e pubblica di Antonio Pérez Navarrete, uno spagnolo migrato nel Regno di Napoli ove visse tra la prima e la seconda metà del XVII secolo e si inserì tra le élites del paese grazie alle sue competenze giuridiche e ai servizi resi alla Monarquía, sfruttando il favore accordato da quest’ultima, desiderosa di ridimensionare poteri e prerogative dell’antica nobiltà meridionale, ai togati, il gruppo sociale che costituiva la punta più avanzata del ceto civile. In particolare considera l’attività di scrittore e di mediatore culturale espletata dal giurista di Logroño divenuto poi marchese di Laterza e analizza l’apporto dato alla sua ascesa socio-professionale da opere di diverso genere – opuscoli di propaganda, biografie celebrative, trattati giuridici – composte in castigliano specie agli esordi della sua lunga e fortunata carriera e in seguito stampate ripetutamente dedicandole, con una buona dose di intelligenza politica, ai diversi viceré dispensatori di gratificazioni materiali e simboliche tra i sostenitori del governo spagnolo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/37162
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact