Oggi, a distanza di diversi anni, è possibile affermare che le promesse che in Italia hanno sostenuto l’intera impalcatura della flessibilità sono state clamorosamente tradite. Essa non ha migliorato la posizione del nostro sistema produttivo nella competizione globale, non ha generato nuovi posti di lavoro, non ha fatto emergere il lavoro irregolare, non ha creato opportunità di ascesa sociale. Al tempo stesso, la flessibilità ha prodotto una estesa individualizzazione dei rapporti di lavoro e, di conseguenza, un’atrofia della mobilitazione collettiva. Insieme alla precarietà del lavoro anche il conflitto sociale è diventato precario.

Conflitti precari

CHIARELLO, Francesco
2013

Abstract

Oggi, a distanza di diversi anni, è possibile affermare che le promesse che in Italia hanno sostenuto l’intera impalcatura della flessibilità sono state clamorosamente tradite. Essa non ha migliorato la posizione del nostro sistema produttivo nella competizione globale, non ha generato nuovi posti di lavoro, non ha fatto emergere il lavoro irregolare, non ha creato opportunità di ascesa sociale. Al tempo stesso, la flessibilità ha prodotto una estesa individualizzazione dei rapporti di lavoro e, di conseguenza, un’atrofia della mobilitazione collettiva. Insieme alla precarietà del lavoro anche il conflitto sociale è diventato precario.
978-88-98560-08-0
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/36830
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact