Da Tasso a Góngora: note sull’eco di un verso epico