Melanconia e musicalità in Giorgio Caproni