Giovanni Parrotta, Meglio morto che precario