Nella lettura tradizionale del testo della iscrizione CIL VI 5953, mai contestata nelle edizioni epigrafiche e negli studi che ne dipendono, un segno obliquo tra due parole nella terza riga, tuttora ben visibile sulla lastra conservata nei Musei Capitolini, era stato interpretato come la lettera iniziale di una parola ITER, all'inizio di una parte metrica costituita da due distici elegiaci. Nella nota si dimostra che quel segno vale invece a dividere il testo precedente del titulus di dedica dal successivo testo metrico, che comincia quindi con la parola TER, risolvendo così la presunta grave anomalia metrica di un esametro iniziante per sillaba breve, mentre anche sul piano esegetico la lettura corretta resta del tutto congruente con il testo del carme, dedicato quindi a un defunto non di 7 ma di 21 anno. Nel seguito della nota si offre una esegesi e commento puntuale del carme, anche alla luce di numerosi riscontri sia letterari che epigrafici, e si discute in particolare la presumibile omissione di una parola nel terzo verso (con la conseguente anomalia metrica) e la sentenza dell'ultimo verso.

Un "iter" ... di fantasia. Revisione e commento di CIL VI 5953 / CLE 1068 / Massaro M. - In: ZEITSCHRIFT FÜR PAPYROLOGIE UND EPIGRAPHIK. - ISSN 0084-5388. - 187(2013), pp. 164-172.

Un "iter" ... di fantasia. Revisione e commento di CIL VI 5953 / CLE 1068

MASSARO, Matteo
2013

Abstract

Nella lettura tradizionale del testo della iscrizione CIL VI 5953, mai contestata nelle edizioni epigrafiche e negli studi che ne dipendono, un segno obliquo tra due parole nella terza riga, tuttora ben visibile sulla lastra conservata nei Musei Capitolini, era stato interpretato come la lettera iniziale di una parola ITER, all'inizio di una parte metrica costituita da due distici elegiaci. Nella nota si dimostra che quel segno vale invece a dividere il testo precedente del titulus di dedica dal successivo testo metrico, che comincia quindi con la parola TER, risolvendo così la presunta grave anomalia metrica di un esametro iniziante per sillaba breve, mentre anche sul piano esegetico la lettura corretta resta del tutto congruente con il testo del carme, dedicato quindi a un defunto non di 7 ma di 21 anno. Nel seguito della nota si offre una esegesi e commento puntuale del carme, anche alla luce di numerosi riscontri sia letterari che epigrafici, e si discute in particolare la presumibile omissione di una parola nel terzo verso (con la conseguente anomalia metrica) e la sentenza dell'ultimo verso.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/34835
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact