Sulla prosa memorialistica di Georgij Ivanov