La motilità della giunzione gastro-duodenale