Il saggio muove dall’esame della particolare natura dei segni distintivi di qualità, ponendone in luce l’ontologica diversità rispetto ai segni dotati di capacità distintiva in senso tradizionale. Svolge quindi una ricognizione della tipologia degli enti che ne sono «titolari», traendone motivazione per prospettare un accostamento tra le peculiarità dei regimi di «proprietà intellettuale» dei singoli segni di qualità ed il regime proprietario dei beni comuni cui, per taluni versi, essi appaiono mutatis mutandis assimilabili.

Sulla titolarità dei segni di qualità: res communes omnium?

carraro
2018

Abstract

Il saggio muove dall’esame della particolare natura dei segni distintivi di qualità, ponendone in luce l’ontologica diversità rispetto ai segni dotati di capacità distintiva in senso tradizionale. Svolge quindi una ricognizione della tipologia degli enti che ne sono «titolari», traendone motivazione per prospettare un accostamento tra le peculiarità dei regimi di «proprietà intellettuale» dei singoli segni di qualità ed il regime proprietario dei beni comuni cui, per taluni versi, essi appaiono mutatis mutandis assimilabili.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Segni di qualità_NGCC_2018.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 352.87 kB
Formato Adobe PDF
352.87 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/293738
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact