Il contributo propone una riflessione sul suicidio e sul divieto di sepoltura nella cultura romana tra leggende relative all’età monarchica, regole pontificali, pratiche rituali e costruzioni normative delle cancellerie imperiali. All’interno di un quadro così articolato la declamazione e, in particolare la pratica della prosangelίa, l’autodenuncia dell’aspirante suicida con la rivendicazione delle iustae causae, occupa una posizione di cerniera tra passato, presente dialogando con i saperi contemporanei e anticipando addirittura disposizioni destinate a registrare ininterrotta fortuna nella tradizione giuridica.

Suicidi infamanti e divieto di sepoltura

Brescia, Graziana;
2020

Abstract

Il contributo propone una riflessione sul suicidio e sul divieto di sepoltura nella cultura romana tra leggende relative all’età monarchica, regole pontificali, pratiche rituali e costruzioni normative delle cancellerie imperiali. All’interno di un quadro così articolato la declamazione e, in particolare la pratica della prosangelίa, l’autodenuncia dell’aspirante suicida con la rivendicazione delle iustae causae, occupa una posizione di cerniera tra passato, presente dialogando con i saperi contemporanei e anticipando addirittura disposizioni destinate a registrare ininterrotta fortuna nella tradizione giuridica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/292925
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact