L’interesse statuale alla disciplina “concordata” della libertà religiosa