Una nota su Carlo Quartucci e Carla Tatò