Mito e matriarcato nel naturalismo strindberghiano