Strindberg: la scrittura e la scena