Una lettera di Giacosa a Strindberg