La valutazione dell’agire educativo è un'azione fondamentalmente “qualitativa” e “legata” a dei valori. La questione del nesso fini-valori fu posta, come è noto, per la prima volta da J. Dewey (1960) nel suo notissimo Teoria della valutazione, laddove il filosofo-pedagogista si interrogava sulla separatezza o complementarità di due azioni valutative: la stima e l’apprezzamento. Cosa si fa quando si valuta? Si misura o si attribuisce valore? O entrambe le cose? Il contributo elabora una precisa interpretazione nella risposta a tali domande. Tale interpretazione, elaborando l'eredità dei modelli ermeneutici dell'Evaluation Research, assume la valutazione nei termini di un itinerario logico-metodologico di esplorazione e di indagine, curvato verso la ricerca piuttosto che verso il controllo, verso la decisione piuttosto che verso la misura. Così come, altro aspetto rilevante nell’ottica di una visione clinico-idiografica della valutazione, è posare l’attenzione sulle storie quotidiane delle persone valutate come “soggetti” e mai come “oggetti” di indagine valutativa.

Si può valutare l’agire educativo? Tra controllo e riprogettazione

perla loredana
2016

Abstract

La valutazione dell’agire educativo è un'azione fondamentalmente “qualitativa” e “legata” a dei valori. La questione del nesso fini-valori fu posta, come è noto, per la prima volta da J. Dewey (1960) nel suo notissimo Teoria della valutazione, laddove il filosofo-pedagogista si interrogava sulla separatezza o complementarità di due azioni valutative: la stima e l’apprezzamento. Cosa si fa quando si valuta? Si misura o si attribuisce valore? O entrambe le cose? Il contributo elabora una precisa interpretazione nella risposta a tali domande. Tale interpretazione, elaborando l'eredità dei modelli ermeneutici dell'Evaluation Research, assume la valutazione nei termini di un itinerario logico-metodologico di esplorazione e di indagine, curvato verso la ricerca piuttosto che verso il controllo, verso la decisione piuttosto che verso la misura. Così come, altro aspetto rilevante nell’ottica di una visione clinico-idiografica della valutazione, è posare l’attenzione sulle storie quotidiane delle persone valutate come “soggetti” e mai come “oggetti” di indagine valutativa.
8891740187
9788891740182
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Si può valutare l'agire educativo.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.16 MB
Formato Adobe PDF
1.16 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/284095
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact