Partendo dall’analisi del componimento dei “Canti di Castelvecchio” intitolato ”Il fringuello cieco” viene ricostruito il contesto storico-linguistico dell’uso dell’onomatopea ‘uccellina’ in Pascoli, con evidenti rapporti con le teorie pre e post-positiviste, e in particolare darwiniane, sulla nascita dl linguaggio umano; teorie molto dibattute anche in Italia a fine Ottocento e che sono state alla base della moderna ‘scienza del linguaggio’.

"IL FRINGUELLO CIECO" E LA 'SCIENZA DE LINGUAGGIO'

C. CHIUMMO
2005

Abstract

Partendo dall’analisi del componimento dei “Canti di Castelvecchio” intitolato ”Il fringuello cieco” viene ricostruito il contesto storico-linguistico dell’uso dell’onomatopea ‘uccellina’ in Pascoli, con evidenti rapporti con le teorie pre e post-positiviste, e in particolare darwiniane, sulla nascita dl linguaggio umano; teorie molto dibattute anche in Italia a fine Ottocento e che sono state alla base della moderna ‘scienza del linguaggio’.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/283264
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact