Il ragionevole dubbio: tra salvezza dell'anima e complessità empatica