La circolazione delle opere d’arte in età barocca tra Napoli e la Spagna ha messo in luce negli ultimi tempi l’intenso scambio di opere d’arte nel Mediterraneo occidentale attraverso i porti di Napoli, della Puglia, di Genova, Cagliari e della Spagna. Tuttavia tale indagine non può ridursi solo alla realtà europea ma deve necessariamente prendere in considerazione il rapporto con la cultura Ispano americana, mostrando come la predilezione di alcuni generi artistici abbia poi influenzato anche la cultura artistica del Nuovo Mondo. In questo contesto interessante è seguire l’attività di alcuni viceré spagnoli che, dopo il soggiorno a Napoli, partivano per l’America latina portando con sé le suggestioni della cultura artistica napoletana (e talvolta navi cariche di opere d’arte). L’incontro della cultura europea con quella indigena produsse uno stile proprio, iberoamericano, in cui però è possibile rintracciare influenze. Questo studio vuole mettere in luce quali furono le rotte oceaniche che consentirono la circolazione di opere e modelli europei, in particolar modo italiane (napoletane), quali furono i rapporti con la committenza e allo stesso tempo rintracciare nella cultura indigena le suggestioni dell’estetica barocca italiana.

Sculture napoletane di età barocca per il Nuovo Mondo: modelli culturali, committenti e artisti

Di Liddo Isabella
2019

Abstract

La circolazione delle opere d’arte in età barocca tra Napoli e la Spagna ha messo in luce negli ultimi tempi l’intenso scambio di opere d’arte nel Mediterraneo occidentale attraverso i porti di Napoli, della Puglia, di Genova, Cagliari e della Spagna. Tuttavia tale indagine non può ridursi solo alla realtà europea ma deve necessariamente prendere in considerazione il rapporto con la cultura Ispano americana, mostrando come la predilezione di alcuni generi artistici abbia poi influenzato anche la cultura artistica del Nuovo Mondo. In questo contesto interessante è seguire l’attività di alcuni viceré spagnoli che, dopo il soggiorno a Napoli, partivano per l’America latina portando con sé le suggestioni della cultura artistica napoletana (e talvolta navi cariche di opere d’arte). L’incontro della cultura europea con quella indigena produsse uno stile proprio, iberoamericano, in cui però è possibile rintracciare influenze. Questo studio vuole mettere in luce quali furono le rotte oceaniche che consentirono la circolazione di opere e modelli europei, in particolar modo italiane (napoletane), quali furono i rapporti con la committenza e allo stesso tempo rintracciare nella cultura indigena le suggestioni dell’estetica barocca italiana.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
18_Isabella Di Liddo.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 5.04 MB
Formato Adobe PDF
5.04 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/280729
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact