Il lavoro si pone l'obiettivo di reinterpretare il problema dell'imputabilità e della funzione della pena alla luce delle nuove scoperte, ad opere delle neuroscienze, sul funzionamento del cervello. A tal fine si proporrà un duplice requisito di imputabilità che rifletta i due lati principali del prisma psichico: uno che attiene alla verifica della sussistenza della capacità di intendere e razionalizzare il senso della realtà (la sussistenza di quelle che possiamo chiamare condizioni inerenti la capacità noetica), l'altro che riguarda l'effettiva sussistenza nel reo della capacità di rispecchiarsi nel mondo altrui e di percepirne sofferenza e dolore (la sussistenza di quelle che possiamo chiamare condizioni inerenti la capacità empatica).

The purpose of this brief study is to reinterpret the problem of criminal liability and the function of punishment in the light of the new panorama opened up by neurodiagnostic techniques that can reveal the inner structures and workings of the brain. To this end I would like to propose a dual requisite for full criminal liability, which reflects the two main aspects of the psychic prism: the first conforms to the verification of the capacity to understand and rationalise our sense of reality (the existence of what we can call conditions inherent in the noetic capacity); the second concerns the criminal’s capacity to see herself in another person’s world and to perceive their suffering and pain (the existence of what we can call conditions inherent in the empathetic capacity).

Funzione della pena e capacità empatica

SOZIO, MAURIZIO
2016

Abstract

The purpose of this brief study is to reinterpret the problem of criminal liability and the function of punishment in the light of the new panorama opened up by neurodiagnostic techniques that can reveal the inner structures and workings of the brain. To this end I would like to propose a dual requisite for full criminal liability, which reflects the two main aspects of the psychic prism: the first conforms to the verification of the capacity to understand and rationalise our sense of reality (the existence of what we can call conditions inherent in the noetic capacity); the second concerns the criminal’s capacity to see herself in another person’s world and to perceive their suffering and pain (the existence of what we can call conditions inherent in the empathetic capacity).
978-88-909569-6-6
Il lavoro si pone l'obiettivo di reinterpretare il problema dell'imputabilità e della funzione della pena alla luce delle nuove scoperte, ad opere delle neuroscienze, sul funzionamento del cervello. A tal fine si proporrà un duplice requisito di imputabilità che rifletta i due lati principali del prisma psichico: uno che attiene alla verifica della sussistenza della capacità di intendere e razionalizzare il senso della realtà (la sussistenza di quelle che possiamo chiamare condizioni inerenti la capacità noetica), l'altro che riguarda l'effettiva sussistenza nel reo della capacità di rispecchiarsi nel mondo altrui e di percepirne sofferenza e dolore (la sussistenza di quelle che possiamo chiamare condizioni inerenti la capacità empatica).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/280684
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact