Nella sentenza del 10 settembre 2019, nel caso Strand Lobben and Others v. Norway, la Grande Camera della Corte europea dei diritti dell’uomo ha statuito che viola l’art. 8 CEDU la decisione delle autorità nazionali di rimuovere la responsabilità genitoriale di una madre, permettendo l’adozione del figlio, laddove la stessa decisione non realizzi un concreto bilanciamento tra gli interessi del minore e quelli della sua famiglia biologica.

Sistemi europei di protezione dei minori: la Corte verso una maggiore tutela del fanciullo

pizzolante
2020

Abstract

Nella sentenza del 10 settembre 2019, nel caso Strand Lobben and Others v. Norway, la Grande Camera della Corte europea dei diritti dell’uomo ha statuito che viola l’art. 8 CEDU la decisione delle autorità nazionali di rimuovere la responsabilità genitoriale di una madre, permettendo l’adozione del figlio, laddove la stessa decisione non realizzi un concreto bilanciamento tra gli interessi del minore e quelli della sua famiglia biologica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/279548
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact