Abbiamo bisogno di luoghi, di spazi, di tempi in cui si sta bene. Bene profondamente. Bene davvero. Non dove si fa finta di star bene, simulando una condizione che non risponde alle dimensioni autentiche del proprio essere. Dove non si fa finta nemmeno con sé stessi, convincendosi che è tutto ok quando mille segnali del corpo tradiscono il malessere.

A scuola si studia ma non si impara. I luoghi dell'apprendimento

gabriella. falcicchio
2019

Abstract

Abbiamo bisogno di luoghi, di spazi, di tempi in cui si sta bene. Bene profondamente. Bene davvero. Non dove si fa finta di star bene, simulando una condizione che non risponde alle dimensioni autentiche del proprio essere. Dove non si fa finta nemmeno con sé stessi, convincendosi che è tutto ok quando mille segnali del corpo tradiscono il malessere.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
AN IV 2019 FALCICCHIO.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo su rivista culturale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 778.31 kB
Formato Adobe PDF
778.31 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/279230
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact