La ristorazione etnica come segno identitario: una prima ricognizione