Gli autori illustrano le potenzialità terapeutiche, in parte ancora non del tutto note, della lettura. Partono dalle prime esperienze di Menninger, negli anni Trenta, fino agli studi più recenti di Frude, Berns, Comer i quali, oltre a confermarne l’efficacia nei confronti sia delle patologie definite non organiche sia delle patologie organiche a evoluzione cronica, mettono in evidenza i meccanismi psicobiologici attraverso i quali la lettura espleta le sue potenzialità terapeutiche. L’auspicio, se non l’ambizione, degli autori è che tale strumento possa trovare in un futuro prossimo, sia per il basso costo sia per l’assoluta innocuità, uno spazio adeguato nei percorsi terapeutici delle patologie suddette.

Le nuove frontiere della terapia: la biblioterapia

VINCENZO OSTILIO PALMIERI;FRANCESCO ADDABBO;MARIA GRAZIA ALBANO;DOMENICO RIBATTI;PIERO PORTINCASA
2018

Abstract

Gli autori illustrano le potenzialità terapeutiche, in parte ancora non del tutto note, della lettura. Partono dalle prime esperienze di Menninger, negli anni Trenta, fino agli studi più recenti di Frude, Berns, Comer i quali, oltre a confermarne l’efficacia nei confronti sia delle patologie definite non organiche sia delle patologie organiche a evoluzione cronica, mettono in evidenza i meccanismi psicobiologici attraverso i quali la lettura espleta le sue potenzialità terapeutiche. L’auspicio, se non l’ambizione, degli autori è che tale strumento possa trovare in un futuro prossimo, sia per il basso costo sia per l’assoluta innocuità, uno spazio adeguato nei percorsi terapeutici delle patologie suddette.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Centonze-biblioterapia.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 85.81 kB
Formato Adobe PDF
85.81 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/277634
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact