La l. 11 marzo 2014, n. 23, fissa i criteri ai quali il Governo deve attenersi per la revisione del sistema estimativo del catasto dei fabbricati (art. 2). L’aspetto innovativo della riforma, suscettibile di ripercussioni sul piano della tassazione immobiliare, riguarda l’allineamento tra il valore patrimoniale e il valore di mercato. Difatti, il valore patrimoniale è determinato utilizzando un algoritmo che moltiplica il valore di mercato a metro quadrato per la superficie totale dell’unità immobiliare. In altri termini, il valore patrimoniale presenta strette correlazioni con quello di mercato, al quale sono apportati correttivi statistici, utilizzando un apposito algoritmo, basato su una sequenza di percentuali legate alla situazione dell’immobile, che consentono di ridurre o mantenere inalterato il valore al metro quadrato. In sintesi, il sistema estimativo elaborato dalla legge-delega non si basa più su tariffe d’estimo predeterminate, ma individua la rendita catastale e il valore patrimoniale, distintamente per ogni unità immobiliare, tenendo conto di specifici algoritmi di calcolo. L’architettura del sistema, dunque, è fondata sul metro quadrato di superficie come parametro di misura della consistenza delle unità a destinazione ordinaria.

The l. March 11, 2014, n. 23, lays down the criteria to which the government must abide by the revision of the estimate of the cadastre of buildings (art. 2). The innovative aspect of the reform, which could affect the level of real estate taxation, in the alignment between the asset value and the market value. In fact, the asset value is calculated using an algorithm that multiplies the market value per square meter for the total area of the property. In other words, the asset value has close correlation with the market, which are made in the corrective statistical, using an appropriate algorithm, based on a sequence of percentages related to the situation of the property, which can reduce or maintain the value at square meter. In summary, the estimated system elaborated by the proxy-law is no longer based on predetermined rates of valuation, but identifies the cadastral income and asset value, separately for each housing unit, taking into account specific algorithms. The architecture of the system, therefore, is based on the square meter of surface as a parameter for measuring the consistency of the units in ordinary destination.

Luci ed ombre nella delega fiscale sulla riforma del catasto

Parente Salvatore Antonello
2014

Abstract

The l. March 11, 2014, n. 23, lays down the criteria to which the government must abide by the revision of the estimate of the cadastre of buildings (art. 2). The innovative aspect of the reform, which could affect the level of real estate taxation, in the alignment between the asset value and the market value. In fact, the asset value is calculated using an algorithm that multiplies the market value per square meter for the total area of the property. In other words, the asset value has close correlation with the market, which are made in the corrective statistical, using an appropriate algorithm, based on a sequence of percentages related to the situation of the property, which can reduce or maintain the value at square meter. In summary, the estimated system elaborated by the proxy-law is no longer based on predetermined rates of valuation, but identifies the cadastral income and asset value, separately for each housing unit, taking into account specific algorithms. The architecture of the system, therefore, is based on the square meter of surface as a parameter for measuring the consistency of the units in ordinary destination.
978-88-909569-1-1
La l. 11 marzo 2014, n. 23, fissa i criteri ai quali il Governo deve attenersi per la revisione del sistema estimativo del catasto dei fabbricati (art. 2). L’aspetto innovativo della riforma, suscettibile di ripercussioni sul piano della tassazione immobiliare, riguarda l’allineamento tra il valore patrimoniale e il valore di mercato. Difatti, il valore patrimoniale è determinato utilizzando un algoritmo che moltiplica il valore di mercato a metro quadrato per la superficie totale dell’unità immobiliare. In altri termini, il valore patrimoniale presenta strette correlazioni con quello di mercato, al quale sono apportati correttivi statistici, utilizzando un apposito algoritmo, basato su una sequenza di percentuali legate alla situazione dell’immobile, che consentono di ridurre o mantenere inalterato il valore al metro quadrato. In sintesi, il sistema estimativo elaborato dalla legge-delega non si basa più su tariffe d’estimo predeterminate, ma individua la rendita catastale e il valore patrimoniale, distintamente per ogni unità immobiliare, tenendo conto di specifici algoritmi di calcolo. L’architettura del sistema, dunque, è fondata sul metro quadrato di superficie come parametro di misura della consistenza delle unità a destinazione ordinaria.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/273721
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact