“Zone di pace” e commercio di armi