Soggettività ed empatia: il Museo delle Relazioni interrotte di Zagabria