EPATITI B E C: MA I PAZIENTI CONOSCONO I RISCHI?